GRUPPO CAMPARI: Assemblea degli Azionisti

L’assemblea degli Azionisti di Davide Campari-Milano S.p.A. ha approvato oggi il bilancio relativo all’esercizio 2008.

L’assemblea ha deliberato la distribuzione di un dividendo di € 0,11 per azione (invariato rispetto allo scorso anno). Il dividendo sarà messo in pagamento a partire dal 21 maggio 2009, con esclusione delle azioni proprie in portafoglio, previo stacco cedola numero 5 il 18 maggio 2009.

Risultati consolidati del 2008

Nel 2008 le vendite del Gruppo sono state pari a € 942,3 milioni (-1,6%; +2,7% crescita organica, -1,6% effetto cambi e -2,7% effetto perimetro, quest’ultimo dovuto alle annunciate variazioni nel portafoglio prodotti negli Stati Uniti).

Il margine di contribuzione, ovvero il margine lordo dopo le spese per pubblicità e promozioni è stato di € 341,2 milioni (- 0,1%; +2,8% crescita organica), pari al 36,2% delle vendite.

L’EBITDA prima di proventi e oneri non ricorrenti è stato di € 218,3 milioni (-2,1%; +2,2% crescita organica), pari al 23,2% delle vendite.

L’EBITDA è stato pari a € 214,7 milioni (-2,5%; -0,4% a cambi costanti)

L’EBIT prima di oneri e proventi non ricorrenti è stato di € 199,0 milioni (-2,1%; -0,1% a cambi costanti; +2,4% crescita organica), pari al 21,1% delle vendite.

L’EBIT è stato di € 195,4 milioni (- 2,6%; -0,4% a cambi costanti).

L’utile prima delle imposte e degli interessi di minoranza è stato di € 172,4 milioni (-5,9%; -3,9% a cambi costanti).

L’utile netto del Gruppo è stato di € 126,5 milioni, in crescita del +3,1% a cambi costanti e del +1,1% a cambi effettivi.

Al 31 dicembre 2008 l’indebitamento finanziario netto è pari a € 326,2 milioni (€ 288,1 milioni al 31 dicembre 2007) dopo accantonamenti per potenziali put option ed earn out su minoranze per € 26,6 milioni. Escludendo tali accantonamenti il debito è pari a € 299,7 milioni (€ 288,1 milioni al 31 dicembre 2007).

Tra gli eventi successivi alla chiusura del 2008, si segnala che il 8 aprile 2009 il Gruppo Campari ha annunciato di avere siglato un accordo per l’acquisizione di Wild Turkey, il primo premium brand di Kentucky bourbon a livello mondiale da Pernod Ricard, siglando la più grande acquisizione nella storia di Campari e rafforzando la sua posizione tra i leader nel mercato dei premium spirit negli Stati Uniti e nei mercati internazionali.

Il prezzo totale dell’acquisizione è US$ 575 milioni (€ 433 milioni al tasso di cambio alla data dell’acquisizione). Il closing dell’operazione, soggetta ad approvazione delle autorità antitrust, è previsto entro il 30 giugno 2009 e il corrispettivo sarà pagato in contanti. Una più ampia descrizione dell’operazione è stata fornita in occasione dell’annuncio dell’acquisizione il 8 aprile 2009.

Altre delibere

Azioni proprie. L’assemblea ha deliberato di autorizzare il Consiglio di Amministrazione all’acquisto e/o all’alienazione di azioni proprie finalizzate principalmente a servire i piani di stock option. L’autorizzazione concerne l’acquisto e/o l’alienazione di azioni che, tenuto conto delle azioni proprie già in possesso della società, non superino il 10% del capitale sociale. A oggi, la percentuale sul capitale sociale di azioni proprie detenute dalla società è prossima a zero. L’autorizzazione è valida sino al 30 giugno 2010. Il corrispettivo unitario per l’acquisito e/o l’alienazione non sarà inferiore del 25% nel minimo e superiore del 25% nel massimo al prezzo medio di riferimento registrato dal titolo nelle tre sedute di borsa precedenti ogni singola operazione di acquisto.

Stock option. L’assemblea ha approvato il piano di stock option ai sensi dell’articolo 114-bis TUF, predisposto in conformità al Regolamento per l’attribuzione di stock option approvato dal Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2009, in sostituzione del precedente Piano-quadro del 2 maggio 2001. Nei termini di legge si provvederà alla pubblicazione del relativo Documento informativo ai sensi dell’articolo 84-bis del Regolamento Emittenti.

 

Il Gruppo Campari è una delle realtà più importanti nel settore del beverage a livello globale. E’ presente in 190 paesi nel mondo con leadership nei mercati italiano e brasiliano e posizioni di primo piano negli USA e in Europa continentale. Il Gruppo vanta un portafoglio ricco e articolato su tre segmenti: spirit, wine e soft drink. Nel segmento spirit spiccano brand di grande notorietà internazionale come Campari e SKYY Vodka e marchi leader in mercati locali tra cui Aperol, Cabo Wabo, CampariSoda, Cynar, Glen Grant, Ouzo 12, X-Rated, Zedda Piras e i brasiliani Dreher, Old Eight e Drury’s. Nel segmento wine si distinguono oltre a Cinzano, noto a livello internazionale, i brand regionali Liebfraumilch, Mondoro, Odessa, Riccadonna, Sella & Mosca e Teruzzi & Puthod. Infine, nei soft drink, campeggiano per il mercato italiano Crodino e Lemonsoda, con la relativa estensione di gamma. Il Gruppo impiega 2.000 persone e le azioni della capogruppo Davide Campari-Milano S.p.A. sono quotate al Mercato Telematico di Borsa Italiana. www.camparigroup.com


Comments

comments

Leave a Reply