“Contro la crisi subito. Con le piccole imprese riparte l’Italia”. La CNA sui maggiori quotidiani

“Contro la crisi subito. Con le piccole imprese riparte l’Italia”. La CNA sui maggiori quotidiani

RIVEDERE gli studi di settore

RIDURRE gli acconti di imposta

ESTENDERE l’ IVA per cassa anche per le imprese con ricavi superiori a 200.000 Euro

BLOCCARE per dodici mesi, per le imprese in crisi, le rate di mutui e finanziamenti

DIMINUIRE drasticamente gli oneri bancari

SOSPENDERE i criteri di Basilea II per aumentare il credito alle piccole imprese

SEMPLIFICARE e limitare gli oneri burocratici

Abbassare i premi INAIL

ISTITUIRE una quota dedicata alle piccole imprese negli appalti pubblici

RAFFORZARE gli strumenti a tutela del rispetto dei termini di pagamento tra imprese

COMPENSARE i crediti vantati nei confronti della pubblica amministrazione

allargare i criteri per la detassazione degli utili reinvestiti

C’è bisogno di soluzioni, di atti immediati, semplici e concreti, che consentano a tutte le imprese di affrontare le difficoltà della crisi. La tenuta sociale dell’Italia dipende dalla tenuta del sistema delle piccole imprese. Non perdiamo tempo. In questo senso la CNA è impegnata a trecentosessanta gradi, non solo nei confronti del Governo, ma anche attraverso una grande campagna stampa che sta uscendo in questi giorni sui maggiori quotidiani per ribadire il messaggio: “Contro la crisi subito. Con le piccole imprese riparte l’Italia”.


Questa campagna stampa è uscita: il 13 luglio su Affari&Finanza La Repubblica, il 15 luglio su La Stampa, il 16 luglio su Il Corriere della Sera e ItaliaOggi, mentre verrà pubblicata nei prossimi giorni sui seguenti quotidiani:

Il Sole24Ore il 17 luglio;

QN (Il Resto del Carlino, La Nazione, Il Giorno), lunedì 20 luglio;

La Repubblica, martedì 21 luglio;

Libero, martedì 21 luglio;
Il Messaggero, mercoledì 22 luglio;

ItaliaOggi, giovedì 23 luglio;

Libero, venerdì 24 luglio.

 

Se ti è piaciuto questo articolo ti potrebbe interessare il nostro blog dedicato alle piccole e medie imprese.


Comments

comments

Leave a Reply