Intesa Sanpaolo: emissione di strumenti innovativi di capitale

Intesa Sanpaolo ha lanciato oggi un’emissione di strumenti innovativi di capitale di tipo Tier 1 per un miliardo di euro destinata ai mercati internazionali.

Si tratta di un titolo di durata perpetua con facoltà di rimborso anticipato esercitabile da parte dell’emittente a partire dal 10° anno.
E’ inoltre prevista una call esercitabile a partire dal quinto anno, qualora l’implementazione delle nuove previsioni normative di attuazione della Direttiva CRDII lo consenta, e ad ogni data di pagamento degli interessi che cada al successivo quinto anno (data di reset).

L’emittente corrisponderà una cedola a tasso fisso pari a 9,5%, pagabile in via posticipata il 1° giugno di ogni anno a partire dal 1° giugno 2011 fino al 1° giugno 2016 (prima cedola corta dal 1° ottobre 2010 al 1° giugno 2011).
Tale cedola corrisponde al tasso swap a 5 anni rilevato al momento dell’emissione maggiorato di uno spread pari a 757 bps che rimarrà costante durante tutta la vita del prestito.
Qualora la facoltà di rimborso anticipato prevista per il 1° giugno 2016 ed ogni successiva data di reset non venisse esercitata, verrebbe rideterminata una nuova cedola a tasso fisso sommando lo spread originario al tasso swap a 5 anni da rilevarsi al momento del refixing. Tale nuova cedola annuale resterebbe fissa per i successivi 5 anni (fino alla successiva data di reset).

In aggiunta alle call quinquennali sopra menzionate i termini contrattuali prevedono una facoltà di rimborso anticipato a 102% esercitabile dall’emittente a partire dal 1° gennaio 2013 nel caso in cui i titoli non risultino più computabili come capitale Tier 1 per almeno il 75% del loro valore nominale (“Regulatory Call”).

Il prezzo di riofferta è stato fissato in 100%.

La data di regolamento è prevista per il 1° ottobre 2010.

I tagli minimi dell’emissione sono di Euro 50 mila e multipli.

Il titolo non è destinato al mercato retail italiano ma ad investitori professionali e a intermediari finanziari internazionali, e verrà quotato presso la Borsa di Lussemburgo oltre che nel consueto mercato “Over-the-Counter”.

I capofila incaricati della distribuzione del titolo sono Banca IMI, BofA Merrill Lynch, HSBC, Morgan Stanley e Société Générale.

I rating già assegnati al debito a lungo termine senior di Intesa Sanpaolo sono: Aa2 da Moody’s, A+ da Standard & Poor’s e AA- da Fitch.

Comments

comments

Leave a Reply