Category Archives: economia

Nuovi ecobonus 2017

Ogni anno lo Stato con la legge finanziaria presenta ai cittadini italiani un nuovo gruppo di incentivi fiscali per incoraggiare determinati settori. Gli ecobonus 2017 in particolare sono delle agevolazioni fiscali molto valide che permettono ai consumatori che migliorano le proprie abitazioni un forte risparmio di imposte.

Ma gli ecobonus spingono anche i consumatori ad adeguare la propria casa a livello termico ed energetico. Il settore dell’edilizia, in ultima istanza, grazie ai cosiddetti ecobonus, riprende nuovo slancio. Sempre più numerosi sono infatti i consumatori che decidono di ristrutturare completamente il proprio immobile al fine di renderlo più efficiente dal punto di vista energetico e più confortevole a livello termico. Il che significa a sua volta un notevole risparmio in bolletta. I vantaggi degli ecobonus insomma si ripercuotono a catena sull’intera economia.

Solo fino a qualche anno addietro la stragrande maggioranza degli appartamenti italiani era caratterizzata da una classe energetica E o al massimo D, mentre adesso è scattata la corsa al miglioramento energetico.

 

Ma come funzionano esattamente gli ecobous 2017 ? L’azienda Gioma srl che si occupa di serramenti ad Udine è in grado di accompagnare i suoi clienti lungo il percorso burocratico che porta ad usufruire dei vantaggi dell’ultima legge di bilancio.

In primo luogo gli incentivi fiscali 2017 spettano a chi acquista beni mobili e grandi elettrodomestici o a chi ristruttura. Si tratta di una detrazione Ires\Irpef che va fino al 75% e di un sisma- bonus. In particolare i lavori per i quali è previsto l’ecobonus sono nello specifico : le riqualificazioni energetiche degli immobili, l’installazione di impianti per i riscaldamento, come le caldaie con condensazione, la sostituzione dei serramenti, gli interventi sulle strutture opache orizzontali e verticali, l’installazione di pannelli solari. Unico limite: l’ecobonus non è cumulabile con altre forme di agevolazioni fiscali. In più i pagamenti da portare in detrazione devono essere verificabili. Ossia devono essere dimostrati con copia del bonifico.  I beneficiari del provvedimento invece possono essere sia privati che interi condomini per le ristrutturazioni su parti comuni dell’edificio.

Economia e Onlus: quanto incassano e quanto spendono

Una recente ricerca ha affrontato l’argomento dei fondi raccolti dalle Onlus italiane. Uno dei punti cruciali è sempre il rapporto fra i fondi raccolti e le spese di gestione a volte decisamente alte. I sostenitori delle varie onlus richiedono sempre più trasparenza sulla gestione dei conti, spese di gestione, spese di raccolta e quanto poi va effettivamente destinato alle finalità dell’associazione benefica.

Dall’infografica sotto potete vedere quanto raccolgono le varie Onlus, sia il 5 per Mille, sia i vari versamenti dei sostenitori. A destra invece potete vedere i costi della struttura e del personale, spese di raccolta fondi e spese che vanno effettivamente ai progetti. Da questo potete farvi una idea precisa sulla gestione dei fondi delle varie onlus.

Lasciate un commento con le vostre considerazioni.

 

Quanto valgono le economie degli Stati

E’ stata pubblicata una interessante infografica dove sono raffigurate le proporzioni delle carie economie mondiali. Possiamo da questa infografica anche verificare i volumi dell’Italia rispetto agli altri paesi del mondo. Come sempre se la giocano Stati Uniti e Cina che si prepara nei prossimi anni a un prevedibile sorpasso. Ne vedremo sicuramente delle belle anche in merito alle economie emergenti come l’India.

Investire in opzioni binarie utilizzando la media mobile

L’investimento in opzioni binarie é, come qualsiasi altro tipo di investimento, un rischio. La variabile principale dell’investimento in opzioni binarie é la scadenza. La scadenza determina la riuscita dell’investimento e va calcolata in modo esatto, infatti, una previsione può essere verificata dal mercato, ma inutile se non si sceglie la scadenza giusta. Il primo parametro da valutare è quindi la scadenza dell’opzione binaria, vediamo come fare per cercare di scegliere la scadenza giusta.

A parità di segnale la scadenza dell’opzione binaria va adattata al time frame del grafico utilizzato. Se stiamo utilizzando un time frame M1, possiamo ragionevolmente investire in opzioni binarie con scadenza a:

60 secondi

5 minuti

Se invece utilizziamo un time frame M5, possiamo investire in opzioni binarie con scadenza:

10 minuti

15 minuti

30 minuti

VEDIAMO ADESSO COME UTILIZZARE LA MEDIA MOBILE NELL’INVESTIMENTO IN OPZIONI BINARIE

In questo caso abbia utilizzato una media mobile a 10 periodi spostata in avanti di 2 punti. Il grafico utilizzato ha come time frame M5. La scadenza delle opzioni é a 15 minuti ed il segnale é costruito dai seguenti fattori:

Il prezzo infrange la media mobile

La candela che si forma deve essere coerente con la previsione

Si investe alla seconda sessione dopo la media mobile

Come puoi notare dall’immagine, abbiamo diversi segnali che possiamo sfruttare per l’investimento, dobbiamo però tenere in considerazione che i segnali derivanti dalla media mobile, come del resto tutti i segnali derivanti dagli indicatori di trading, sono probabili, quindi, dobbiamo strutturare anche una strategia di money management adeguata, che possa cioè farci guadagnare nel lungo periodo. Noi utilizziamo un rischio del 5% del capitale totale ad ogni investimento.