Category Archives: Tecnologia

Internet of Things, un nuovo modo di vedere le cose

  • Internet of Things, la realtà virtuale diventa reale

Nel mondo della tecnologia si sente parlare sempre più spesso dell’Internet of Things, che in modo piuttosto semplicistico e riassuntivo può essere considerato come un uso della rete che non è più solo virtuale ma si mette a disposizione del mondo reale e concreto. Si tratta di un neologismo riferito appunto all’estensione di Internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti. Una nuova tecnologia sempre più presente, che rappresenta però un valido alleato nella vita di tutti i giorni, a cui anche le più importanti aziende e società stanno prestando attenzione.

L’apertura delle assicurazioni online all’Internet of Things

Ogni assicurazione online che voglia stare al passo con i tempi, per offrire ai propri clienti tecnologie sempre più innovative, deve necessariamente seguire gli sviluppi dell’Internet of Things. E’ sorprendente quante offerte e servizi può garantire la tecnologia dell’Internet of Things applicata al mondo delle assicurazioni. Innanzitutto le compagnie assicurative possono raccogliere informazioni sulle abitudini dei loro clienti quando sono al volante, in questo modo vengono premiati quelli che hanno un atteggiamento ed un comportamento più virtuoso quando guidano. Gli automobilisti che circolano con cautela e con attenzione, riducendo quindi al minimo il rischio di sinistri, saranno gratificati con l’abbattimento dei costi delle polizze.

Gli strumenti tecnologici messi a disposizione dalle assicurazioni

Questa nuova tecnologia permette alle assicurazioni di offrire servizi sempre più utili ed adattabili alle esigenze ed alle richieste dei clienti. Uno di questo è l’On Board Diagnostic dongles, cioè una chiavetta per la diagnostica di bordo dotata di entrata usb che si trova sotto al volante. Tale chiavetta registra le abitudini buone e meno buone del cliente, inviandole subito alla compagnia assicurativa, la quale premierà gli automobilisti più virtuosi con polizze meno costose. E’ un dispositivo che incentiva maggiormente chi è al volante ad avere una guida più educata e civile, nel rispetto di se stessi e degli altri, con la possibilità di ricevere notevoli sconti sulla polizza finale. Milioni di autovetture negli Stati Uniti sfruttano già la tecnologia dell’On Board Diagnostic dongles. Grazie ai device connessi contro i furti in casa, i clienti possono essere avvisati di potenziali pericoli nei pressi della propria abitazione. Inoltre, grazie agli strumenti dell’Internet of Things, è possibile conoscere in anteprima le emergenze meteo ed eventuali lavori in corso presso alcune strade, informazioni utili al fine di evitare potenziali pericoli ed incidenti che vanno ad incidere positivamente sul costo finale dell’assicurazione.

Come guadagnare con youtube

Youtube, il famoso canale di condivisione di video on line, è una delle piattaforme più ambite per poter guadagnare con youtube grazie ad un facile e intuitivo meccanismo di monetizzazione che consente a chiunque di poter veder lievitare i propri introiti. È vero però che essendo Youtube una piattaforma immensa è davvero difficile essere notati, soprattutto se si calcola che in ogni minuto vengono caricati on line almeno 200 ore di video alcuni dei quali legati ad argomenti popolari e quindi abbastanza competitivi, che si giocano tutto pur di diventare virali.

Di fronte a questo dato di fatto è ovvio che per poter guadagnare con Youtube bisogna trovare l’idea giusta per attirare l’attenzione, magari caricando un video originale e interessante che ha il potere di coinvolgere milioni di utenti , tenendo bene a mente che occorre distinguere tra il totalizzare milioni di visite con un solo video e creare un canale sempre aggiornato e condiviso che ci permetterà di conquistare una credibilità on line, dandoci la possibilità di avere l’attenzione che meritiamo ogni qual volta pubblichiamo un video. Una volta che abbiamo deciso di impostare la struttura del nostro canale magari programmando che tipo di video vogliamo caricare e condividere, dobbiamo richiedere la partnershirp per poter iniziare a monetizzare il nostro traffico on line e quindi per poter individuare quale sia il metodo migliore per ottenere dei risultati in termini economici.

Non bisogna assolutamente sottovalutare il momento legato alla richiesta della partnership che non viene concessa a tutti per cui bisogna avere una buona reputazione, caricare video con regolarità, aver caricato sempre video inediti e non aver mai violato i copyright. Una volta ottenuta l’autorizzazione dobbiamo pianificare i nostri interventi  scegliendo eventualmente una nicchia in cui ci sentiamo più bravi e provare a caricare dei video che abbiano un concreto valore per l’utente, magari imitando le strategie di chi è già famoso e ha creato con il proprio account un vero e proprio impero come PewDiePIe, un ragazzo svedese di appena 25 anni che commenta videogiochi dalla scrivania della propria stanza

Metal Gear Solid 5 meglio su PS4. Così parlò il suo autore Kojima

Come se un cantante suggerisse di sentire il suo pezzo su uno stereo Sony, come se un autore televisivo indicasse il Samsung come televisore migliore per godersi il suo show. Assurdo? Mica tanto. C’è Hideo Kojima, ovvero colui che ha realizzato la saga di Metal Gear, che si è sbilanciato sulla migliore console che può ospitare l’ultimo nato Metal Gear Solid 5: la PS4.
Dichiarazione curiosa del factotum di questo videogioco: game designer, produttore, game director ed in passato anche sceneggiatore. Uno che di geniale ha molto e che ogni tanto però scatena polemiche furiose dopo uscite come questa su Twitter: “Alla fine del prossimo mese la PS4 Playstation 4 verrà rilasciata in Giappone. Anche Metal Gear Solid 5 sarà disponibile di lì a poco. Il mio gioco sarà disponibile anche in versione next-gen, ma io vorrei che lo giocaste su PS4, se possibile”.
Un commento più che chiaro, limpido. L’avrà fatto per creare rumour a scopi commerciali? Difficile a dirsi, visto che Metal Gear Solid è piuttosto unico nel suo genere e non ha gran bisogno di pubblicità. Giusto nel mondo del gaming online, si potrebbe rilevare il videogioco Merc Elite di Bigpoint come alter ego.
Dunque più credibile pensare che Kojima semplicemente non abbia peli sulla lingua e non voglia proprio averli. Anche perché sempre sulla PS4 dice: “PS4 ha delle specifiche fantastiche che rendono molto semplice il passaggio da PC di fascia alta a essa”.
Insomma l’ideatore di Metal Gear Solid si è sperticato in lodi sulla PS4, un vero e proprio “endorsement” come si direbbe in gergo marketing. Non dubitiamo che comunque queste dichiarazioni non sposteranno le vendite delle console e non influenzeranno le propensioni di acquisto dei videogiocatori (in particolare quelli del Giappone).
Hideo Kojima però, involontariamente, ripropone il tormentone: è meglio la PS4 o L’Xbox One?